EXCALIBUR

Londra – Piccadilly

Un pomeriggio grigio piovoso di luglio, un appartamento che da sulla strada di negozi; il soggiorno pieno di libri e amuleti di civiltà precolombiane, una scrivania occupata da pennelli e tavolozze incrostate di colore con tele da vuote sistemate ovunque.

non ti manca Bahia? Con le spiagge, il sole bollente, i bambini che corrono per le strade?! E soprattutto non hai nostalgia di Bocca Dorata? dice il marinaio dagli occhi scuri fumando una sigaretta sulla poltrona con le gambe allungate sul poggia piedi; Enrique gli risponde certo che mi manca Bahia!ma non potevo starci per tutta la vita, anche Bocca Dorata sapeva che sarei andato via…. E non venirmi a dire che lei non ti ha mai detto nulla. Enrique un amico di Bocca Dorata e di Corto Maltese un archeologo che stufo di stare a Bahia decide di dedicarsi alla pittura e cambiare aria trasferendosi a Londra. Un uomo dalla pelle scura capelli corti riccioloni con barba e baffi con riccioli in su ( hipster).

Corto Maltese fa un tiro di sigaretta si alza dalla poltrona avvicinandosi ad Enrique che sta ultimando il dipinto certo che mi ha parlato e mi ha anche detto che gli manchi e che rimpiangerai il clima di Bahia…. Senti sei sicuro che il posto che mi hai detto sia giusto? Erique con la mano sotto il mento mentre fissa il quadro cercando di finire lo sfondo Corto per chi mi prendi? Certo che è giusta, ricordati che l'ultimo treno per il Monte di San Michele passa da qui alle 20.00 di stasera; Corto Maltese prende le carte delle ricerche e torna alla pensione, Enrique si versa nel bicchere lo Scotch va alla finestra aspetta che corto vada in strada agitando il bicchiere ehi Corto,hai gentil uomini di fortuna!.

Ore 20.00 stazione di Londra

Corto sale sul treno si toglie il giaccone e il cappello sedendosi sfoglia il giornale, all'ora di cena si reca in sala per cenare. Ordina un Rhum per iniziare insieme al pesce spada al limone.

Mentre si prepara ad affondare il coltello nel pesce spada si avvicina un uomo dalla barba lunga nera ma che piacere Rasputin! Rasputin si siede al suo tavolo Corto! Amico mio è da almeno un anno che non ci si vede nel mentre il cameriere si avvicina Vodka e quello che ha preso lui…. Dimmi dove siamo diretti.

Corto alza gli occhi fissando il sorriso di Rasputin che emerge dalla nera barba diretti? Presumo che voglia venire con me, comunque sto facendo una gita al Monte di San Michele in Cornovaglia Rasputin mentre manda giu la vodka ridacchiando e la chiami gita andare fino in Cornovaglia?... di cosa stiamo parlando? Tipo l'oro di Alessandro in Turchia?; Corto ribatte tu parli troppo Ras… finiamo di cenare, poi ti porto nella mia cabina e ne parliamo!.

A Rasputin gli si illuminano gli occhi sfoggiando un sorriso abbagliante.

Nella cabina Corto si toglie il cappello, mette sul letto il giaccone e mostra le sue scoperte a Rasputin incredibile! La spada di Artù…. Come facciamo a sapere che si trovi li? Corto accende una sigaretta e inizia a spiegare tutto …. Vedi Rasputin secondo le possibili teorie che Artù si trovi a Glasbury nella torre si trova la tomba, ma quella più somigliante è il Monte San Michele è quella più simile ad Avalon Rasputin interviene Ma come facciamo ad andare sull'isola? Corto fa un altro tiro con la sigaretta siccome è un'isola dobbiamo aspettare la bassa marea.

Dopo 13h di treno si giunge a destinazione

Tempo bellissimo, solee vento, prendono una barca e vanno sull'isola dove cè un castello con una presunta lapide di Re Artù. secondo la leggenda Merlino portò Artù morente ad Avalon. Quando morì lo mise sulla barca spingendola nelle acque, poi la nebbia lo inghiottì …. Merlino gettò la spada in acqua e la Dama del lago l'afferrò spiega la guida.

Rasputin si rivolge a Corto hai sentito? La spada si trova in fondo alle acque, ma dobbiamo aspettare l'alta marea così la prendiamo e diventiamo ricchi! nel mentre si mette a saltellare per la felicità ma Corto lo interrompe calmati Ras!... potremmo anche non trovare nulla! la guida continua a spiegare le leggende dei druidi dicono che una volta che Artù morì la nebbia coprì il passaggio per Avalon e Morgana prese il posto di Viviana e Merlino si ritirò nei boschi incantati. La dama del lago regna ancora sulle acque!... ricordate Artù non è solo un Rè ma un Rè una volta e Rè in futuro, quando Albione avrà bisogno allora risorgerà.

Rasutin con la paura negli occhi le acque sono sorvegliate dalla dama! Corto lo fissa non crederai mica ai fantasmi vero Ras?! dopo la visita tornano sulla terra ferma aspettando la copertura della notte.

Corto e Rsputin si precipitano alla spiaggia con l'attrezzatura da sub, dopo qualche istante vengono raggiunto da un sorvegliante notturno fermi? Chi siete? Che cosa state facendo? Corto si avvicina ma Rasputin non c'è più calmo agente, ammiravo solo le stelle! ; l'agente punta l'arma verso corto mi faccia vedere i documenti Corto allunga la mano consegnandoli all'agente non è lontano da casa Signor Corto Maltese? …. io ho una casa ovunque vado risponde Corto.

In quel momento Rasputin spunta dietro alle spalle dell'agente e gli spara, Corto innervosito che bisogno c'era di ucciderlo? Sei pazzo lo sai? … dovrei ucciderti per questo … forza prepariamoci! gli risponde Rasputin.

Si mettono l'attrezzatura con le bombole sulla schiena e si immergono in acqua; nell'andare in profondità si fa buio accendono le torce vanno sempre più giù e trovano delle barche rotte, su di una si trova uno scheletro con in mano una spada. Corto scende per prenderla ma in quel momento una luce lo sfiora poi qualcosa nuota attorno a loro, poi di nuovo la luce però era più forte e si avvicina una corrente forte e fredda.

Non disturbate il sonno del Rè una voce pronuncia quelle parole e appare una donna dal viso angelico con capelli lungi e un vestito fino ai piedi avvolta da una forte luce accarezza il viso di Corto. La corrente si fa più forte sballottandoli per le acque.

Corto sei sveglio? Ci sei? Rasputin lo chiama più volte si ci sono Ras!... ma dove siamo? Corto si guarda intorno l'hai vista anche tu quella donna? risponde Rasputin certo che l'ho vista!, non era un fantasma, i fantasmi non esistono.

Qualcuno bussa alla porta, è l'amico Enrique che ha fatto le corse per trovare Corto. Siete vivi per fortuna!... tieni una bottiglia di scotch Corto prende la bottiglia posandola sul comodino della stanza, si tira sul dal letto con un solo braccio ( visto che uno è bendato e legato) come ci hai trovati? Enrique risponde è tutto il giorno che vi cerco, poi ho saputo che due corpi sono stati recuperati da un peschereccio cosi ho capito che eravate voi e sono corso qui in ospedale. Corto gli indica la spada incoraggiandolo a prenderla è vera? È Excalibur? Enrique la guarda osserva l'impugnatura, pulendo l'incrostatura con un fazzoletto nel suo taschino della camicia è difficile così sue due piedi mi servirebbe un laboratorio, questo simbolo è Romano, probabilmente di un soldato che era in guerra contro i sassoni!.

Rasputin tutto nervoso quindi non è vera? Tutto questo viaggio per niente per un fac simile?! Corto si mette a ridere oh Ras… amico mio! Mi fai ridere! Rasputin risponde ti faccio ridere?... non ci parlo più con te! ; Enrique si congeda io vi lascio riposare! Corto tieni pure la spada, anche se è smussata e incrostata è comunque una spada storica.

Corto prende la spada to cando con una mano la sua punta poi l'appoggia sul letto, prende due bicchieri versandoci lo scotch offrendone uno a Rasputin ahahaha… tieni Ras bevici su! Ahahaha. Rasputin mette il broncio incrociando le braccia tieniti il tuo scotch… non lo voglio!. Corto continua a pensare a quella donna chiedendosi se Artù esista davvero, in genere gli dei esistono finche la gente ci crede.