SOTTO ATTACCO

Pianeta Endor ormai sera inoltrata

Ray cammina avanti e indietro nervosa e preoccupata è da tre giorni che non si fa sentire! Si è forse perso Poe? Era una missione infallibile. Recuperare C3PO e tornare velocemente; Finn si pianta davanti a lei prendendola per le braccia calmati Ray! Avrà avuto un contrattempo, arriverà Ray nonostante le sue parole non riesce a stare calma.

In quel momento atterra una nave decisamente ammaccata, Poe scende del tutto tranquillo al contrario di Ray Mi vuoi spiegare dov'eri finito? Dobbiamo tornare alla base! Poe si gira verso Finncon un allegro sorriso Ma che le prende?... anche io sono felice di vedervi Ray replicando Che hai fatto alla nave? Per fortuna che non ti ho lasciato il Falcon.

Poe divertito si siede su un tronco Prima di tutto è solo un graffietto e secondo ho una storia assurda da raccontarvi!. Arriva di corsa BB8 correndo dal suo padrone, Finn, Ray e C3PO si mettono comodi su un tronco lungo; Due Ewock si mettono in braccio a Poe. Allora iniziò tutto così….

(inizio del racconto)

Comandante Dameron grazie per avermi salvato io guardavo 3PO con guardo stanco di nulla amico anche se avrei voluto lasciarti la… ho rischiato la pelle per salvare la tua faccia d'orata! 3PO inserì le coordinate a velocità luce saremmo a Endor tra 24h ore precisò mi sembrava strano così poco ma ero stanco e avevo voglia solo di stendermi così lo lascai gestire la plancia. Chiusi subito gli occhi e dopo cinque minuti qualcosa ci colpì facendoci uscire dalla velocità luce e mi diressi subito in plancia urlando a 3PO che hai combinato? mi rispose semplicemente Nulla signore, siamo stati attaccati da quella nave ; Così guardai le coordinate inserite ed erano sbagliate, le aveva invertite.

Intanto la nave continuava a colpirci rispondemmo al fuoco ma non basto, per fortuna che sotto di noi c'era un pianeta si chiamava Rhua IV di classe M era perfetto per trovare riparo.

Una volta scesi sul pianeta andammo in giro per ispezionare la zona sembrava di essere in paradiso cèra tanto verde, acqua e rocce, era abitato e perciò preferimmo non avvicinarci. Continuammo l'esplorazione cera un accampamento con due navette di qualche astronave una decina di umanoidi dalle orecchie a punta e due ufficiali visto che avevano i gradi sulla divisa; Ci allontanammo ma senti di essere osservato Non ti muovere l'ho impostata su stordimento! io mi girai con le mani in alto tranquillamente rispondendo Tranquilla chiunque tu sia! Non ti faccio nulla era una donna davvero bella con occhi verdi con lunghi capelli rossi che le arrivavano fino alla fine della schiena, alta e un corpo tonico… .

Scusa se ti interrompo ma… prima di andare avanti a raccontarci della splendida ragazza … chi erano quelli che vi hanno attaccati? Poe alzando un sopraciglio e sorridendo Un attimo Finn ci stavo arrivando!... ora posso andare avanti?... stavo dicendo. La ragazza mentre mi puntava l'arma o phaser come lo chiamano loro schiaccio una spilla a ricetrasmettente Tenente Parker a Worf… abbiamo un problema qui l'altro tizio gli rispose Qui Worf… che problemi? la ragazza sempre tenendomi sotto tiro Ora arrivo da te e vedrai… stranieri.

Fummo scortati all' accampamento ma nel tragitto qualcuno ci attaccò lei urlo di seguirla in gran fretta forza seguitemi io urlai a 3PO di tenere il passo ci riparammo dietro alle rocce. Mi presentai Sono Poe Dameron e lui è C3PO in quel momento non era il caso ma mi rispose comunque Tenente Kelly Parker!. Si stavano avvicinando delle strane creature loro li chiamano Cardassiani, umanoidi dalla pelle grigia con protuberanze quasi muscolose dai capelli neri. Lei rispose al fuoco Cardassiani.. si sono spinti fin qui pur di occupare pianeti! io gli dissi che sembravano dei lucertoloni.

3PO sempre indietro ci urlava di aspettarlo aspettatemi ci sono anche io e lo ripeteva più volte, arrivammo all'accampamento dove ci attendeva Worf il tipo con cui parlava alla trasmittente; Worf ci attacano i Cardassiani da est gridò lei, questo Worf aveva una mira impeccabile li colpi tutti e tre… incredibile.

Verificò che non ci fossero sopravissuti alla fine c'era un Cardassiano agonizzante il Signor Wor lo afferò per le maniche della divisa sbraitando per sapere informazioni chi sei? Per chi lavori? il Cardassiano ridacchiando alla fine gli dissè quello che voleva sapere Worf Mi chiamo Molg, il cap- capitano è Marl- Marlog Karr chiuse gli occhi e morì. Worf sul volto aveva la rabbia, quei Cardassiani facevano parte di una fazione dei Maquis. Una fazione che combatte perché rifiuta la pace.

i Vulcaniani stanno bene Signore disse il Tenente Parker

Scusa di nuovo ma chi è Worf?

Worf è un Klingon, ha la pelle marrone con delle placche sulla fonte, ha i capelli lunghi legati dietro. Insieme al Tenente Parker fanno parte della Federazione unita dei pianeti o semplicemente della Flotta Astrale. Quei Cardassiani vivono al confine dello spazio della Federazione, hanno occupato diversi pianeti avendo già Cardassia I – II – III e IV; Sono un popolo pacifico dicono ma diventano violenti.

Ma perché il governo Cardassiano permette questi atti di violenza? dice Ray con aria curiosa Il governo Cardassiano ha accettato la resa dopo la guerra ma questa fazione dei Maquis non la accetta, loro dicono di non riuscire a tenerli a bada. Worf ha preteso per la nostra sicurezza di restare sul pianeta, non avevamo scelta la nave aveva bisogno di riparazioni e non potevo usare la velocità luce così restammo all'accampamento.

Il giorno seguente con l'aiuto di 3PO andai a sistemare la nave se volevo sbrigarmi a tornare dovevo iniziare subito le riparazioni, ad ogni modo mi ero infilato sotto la console della plancia a saldare fili e cercare un qualcosa per riattivare la velocità luce sentì la voce di Parker Non troverai nulla li sotto io mi spaventai e sbattei la testa ero immerso nel lavoro e non mi ero accorto della sua presenza, mi allungo la mano per alzarmi poi prese un panno e mi pulì la fronte ero sporco di olio ovunque.

Decise di aiutarmi a sistemare la nave, si era tessa in piedi sulla sedia della console stava saldando dei fili sia allungo sulle punte dei piedi ma cadde dalla sedia all'indietro, per fortuna ero li con lei; L'afferrai in braccio si tirò su gli occhiali da saldatura contemplandomi, mi guardava come nessuna lo aveva mai fatto con quegli occhi da cerbiatto.

Quel momento magico svanì subito quando Worf la chiamò dal trasmettitore Worf a Tenente Parker aspettò qulache secondo a rispondere io non mi ero accorto che la tenevo ancora in braccio Qui Parker la voce di Worf risuonò Tornate all'accampamento subito sta facendo buoi e ci possono essere altri Cardassiani. Questo è un ordine. Worf chiudo.

All' accampamento mi accomodai a terra con la schiena appoggiata al tronco mentre Worf prese dalle navette del cibo dal replicatore alimentare distribuendolo ai Vulcaniani insieme alle coperte, poi si avvicnò a me porgendomi una porzione.

E' da due giorni che sei qui e non ci hai detto nulla di te mi disse Worf io gli risposi semplicemente che non me lo aveva chiesto, il tenente Parker si mi avvicinò un bicchiere con una birra Andoriana color turchese…. Niente male devo dire, guardavo il bicchiere alla fine risposi alla domanda di Worf Sono il comandante Poe Dameron dell'alleanza ribelle, vengo da una galassia lontana … dal pianeta Yavin IV, sono un eccellente pilota. Stiamo combattendo contro il primo ordine; Hanno navi corazzate superiori alle nostre, sono più numerosi di noi ma con la forza dalla nostra parte vinceremo ….

Ma cos'è la forza? è semplice risposi a Parker La forza è un potere magico che tiene insieme il bene e il mare, il lato oscuro e il lato chiaro. Bevvi l'ultimo sorso della birra turchese avevo gli occhi che mi si chiudevano, era da due giorni che non dormivo mi distesi per terra e crollai subito. La mattina del terzo giorno Worf era nervoso stava borbottando qualcosa, incuriosito andai da lui E' presto … non dormi più? mi chiese Non ho più sonno! mi disse che c'erano dei problemi Ho ricevuto un messaggio da Marlog Karr… vuole che ci arrendiamo, hanno chiamati i rinforzi, presto arriveranno altri Cardassiani. Ho mandato un messaggio sub spaziale al Capitano Picard . Poi mi disse che il suo Capitano sarebbe arrivato entro cinque ore, cinque ore non sono tante ma almeno abbiamo tempo per prepararci pensai. Sentivamo di essere osservati il nostro nemico si stava avvicinando, iniziarono i primi colpi di phaser e rispondemmo al fuoco, colpirono le navette distruggendo i motori, furono colpiti diversi nativi del pianeta Forza C3PO corri gridai.

Fummo costretti a fuggire per trovare riparo verso le grotte Nelle grotte gridò Worf, continuando a rispondere al fuoco i Cardassiani ci stavano raggiungendo; alla fine mi trovai a guidare tutto il gruppo. Arrivammo alle grotte ma i nostri nemici si avvicinavano con velocità, pensavo che fossimo spacciati ma il pettò di Worf suonò Picard a Worf Worf rispose immediatamente Qui Worf… siamo alle grotte Capitano Dalla vostra posizione potete raggiungere il crinale ad Est in pochi minuti ci sarete. Arrivati alla posizione vi teletrasporteremo a bordo, intanto teniamo occupati i vascelli Cardassiani. Picard Chiudo.

Mi guardai intorno e non vidi Parker, non potevamo lasciarla sul pianeta da sola, dovevo tornare indietro a cercarla E' pericoloso! Il Tenente Parker è un ufficiale della flotta ed è addestrata! io gli gridai in faccia Non la lascio laggiù! lo sguardo di Worf era nero di rabbia, si avvicino alla mia faccia fissandomi negli occhi Io non permetto a nessuno di urlarmi addosso … con la rabbia che aveva addosso mi lasciò andare Sei un ottimo SuvwI'… fa attenzione mi girai verso di lui facendo annuendo che la forza sia con voi!... andiamo 3PO.

Correvo il più veloce possibile 3PO tu vai alla nave e preparala, io ti raggiungerò li … fai in fretta, avevo due Cardassiani dietro di me kelly!... Tenente Kelly gridai più forte che potevo ma nulla… ma poi sentì la sua voce Poe! corsi immediatamente nella sua posizione un Cardassiano mi prese alle spalle mi scaraventò a terra lottammo a lungo. Non mi accorsi subito che dietro Kelly si avvicinò il nemico colpendola al collo mi misi a gridare … Kelly… no.., recuperai il blaster a terra colpendo i due Cardassiani. Era stesa a terra che perdeva sangue la presi tra le braccia cominciando a correre alla nave, stendendola sul lettino mi precipitai in plancia 3PO forza! Accendi i motori! Subito signore; fuori dal pianeta chiamai L'enterprise Comandante Dameron a Enerprise! Chiedo il permesso di salire a bordo… Qui il Capitano Picard!permesso accordato. Avete solo poco tempo per entrare nel angar,a quel punto abbassarono gli scudi mentre i Cardassiani facevano fuoco riuscimmo ad entrare per un soffio.

Presi in braccio Kelly avevo gli occhi pieni di lacrime e la consegnai alla Dottoressa Crusher, mentre una scorta mi accompagnava in plancia; Picard mi accolse caldamente stringendomi la mano Benenuto sull' Enterprise Comandante Dameron. Grazie di aver salvato la vita ad un mio ufficiale … prego venga in sala tattica le offro qualcosa così parliamo … intanto i miei tecnici aggiusteranno il suo problema alla nave. In tanto che Kelly era sotto i ferri io mi trovavo ancora con Picard, dopo due ore la dottoressa Crusher chiamo alla trasmittente il Capitano Dottoressa Crusher a Picard Qui Picard… parli pure la dottoressa continuò Il Tenente Kelly è salvo e ha chiesto espressivamente del Comandante Dameron. Di gran corsa mi precipitai in infermeria Kelly. Kelly sei salva… avevo gli occhi ancora lucidi, mi chinai e la baciai in fronte lei mi guardò con i suoi meraviglio occhi verdi Non ti libererai facilmente di me! stringendomi la mano con le lacrime agli occhi mi disse che mi amava Ti amo tanto Poe!. Passarono qualche istante di silenzio

ora devo andare la mia nave è pronta

Che la forza sia con te! aggiunse.

Era dura ma dovevo andare avanti, nella mano mi trovai la sua trasmittente era il suo dono per non scordarmi di lei.

Fermo! dissè Worf Sei un vero Klingon! gli strinsi la mano sorridendo Sei un vero amico Worf, saresti un'ottima risorsa nella resistenza.

Beh… poi con la nave riparata, partimmo a velocità luce…

Mi dispiace molto per la tua amica! disse Ray con sguardo afflitto, Poe ricurvo fissava la trasmittente nelle mani, si coricò sul tronco Sono stanco ragazzi! chiuse gli occhi e si addormentò.