LA CONGIURA DEI PAZZI

Capitano ponti tre, cinque e nove sono danneggiati ci sono feriti e morti Signore!

Adams, concentri il fuoco sulla nave Romulana gli ordinò il capitano

L'Excelsior combatteva gomito a gomito con alcuni ribelli Romulani, avevano avuto molti guasti per gli attacchi nemici, dovevano tenere duro fino all'arrivo delle atre navi della flotta.

Capitano! Le navi della flotta si avvicinano! Rispose Adams Molto bene!continuare con il fuoco!. La nave Romulana era all'estremo della resistenza.

Con l'aiuto della flotta presero i Romulani superstiti e riportati a Romolus per essere processati.

Sulla terra il Capitano Picard incontrò Adams lo abbracciò Mi dispiace molto per la tua famiglia, c'è qualcosa che posso fare per te? Adams lo strinse a se singhiozzando di dolore No grazie, non c'è nulla che tu possa fare amico mio! Ma ti giuro che non è finita quì Picard lo guardò sgranando gli occhi mentre se ne andava tra le lacrime.

Due anni dopo

Diario del Capitano data astrale 43305.6 io e il mio equipaggio ci troviamo in spazio aperto senza una meta precisa, siamo diretti su qualsiasi pianeta interessante da esplorare il suo petto sauna Capitano, il comando di flotta ci avverte che sulla terra si sono avverti altre scosse di terremoto, ci aspettano a terra! commentò Riker Molto bene Numero Uno rotta verso la terra, curvatura quattro! replicò Picard.

Picard uscì dal suo alloggio diretto in plancia

Numero Uno! Che atro puoi dirmi

Capitano, si sono già verificate sei scosse in questi due mesi, non le sembra strano? domando Riker

Lo è Will, il comando di flotta ha trovato la fonte di questi terremoti? domandò Picard

Data si girò sulla sedia rivolgendosi al Capitano Certamente signore, il segnale viene da qui indicando con l'indice sullo schermo. Picard impallidì quando vide le coordinate Conosco quelle coordinate Data, è il laboratorio di John Adams, a lui piace costruire barche nella sua rimessa. Worf, Consigliere Troi, Data e Will seguitemi nel tattico. LaForge a lei il comando. LaForge annuì.

Tutto quello che sappiamo Capitano che si verificano queste scosse da sei mesi, in particolare in questi due mesi sono molto più frequenti commentò Data

Il problema è che queste continue scosse di terremoto possono assottigliare la barriera che si trova fra il nostro mondo e quello parallelo aggiunse Worf

Quindi è probabile che se queste scosse continuino i nostri due universi potrebbero incontrarsi troppo e uno dei due esploderebbe?!chiese Picard. Data aggiunse con aria incuriosita Cosa sta pensando capitano? Picard si versò il te nella tazza bevendo un sorso Credo che John Adams stia cercando ti tornare indietro nel tempo per salvare la sua famiglia dall'attacco Romulano! l'ultima volta che lo vidi cercava vendetta e mi disse che non sarebbe finita così.

Data aggiunse La sua teoria ha senso Capitano, dovrebbe avere un qualcosa che lo connette alla fonte di energia che si trova nel suo laboratorio … un connettore di potenza che gli permetta di fare il salto temporale. E tutte queste scosse sono gli effetti collaterali.

Arrivati sulla terra il capitano scese con una squadra verso il laboratorio di Adams, nel laboratorio trovarono un computer in funzione con segnate tutti salti fatti. Adams entrò di colpo e la squadra ava i phaser puntati su di lui.

Sta fermo John ordinò Picard che stia facendo?, Adams iniziò a raccontare Jean-Luc sto solo cercando di riavere la mia famiglia anche sapendo di rovinare un' un universo, sono riuscito ad arrivare al giorno dell'incedente più volte ma tutte le volte morivano. Ma ora è diverso ho modificato la potenza e nessuno potrà fermarmi!.

Adams attivò la cintura temporale che nascondeva sotto la camicia e come un ologramma sparì, ma nella fretta di impostare la data la errò. In quel momento altre scosse si avvertirono ovunque molto più violente del solito. Capitano, ha fatto il salto! gridò Riker Esattamente nel 1478 Capitano!. Ha sbagliato la sua destinazione.

ED è la che andrò! Data è possibile raggiungere quella destinazione? domando Picard

Certamente Capitano, può farlo da questa cabina per il teletrasporto modificata apposta per i viaggi temporali, basta solo immettere la data e il lugo! replicò Data

Molto bene, Dottoressa Crusher lei verrà con me! Non appena saremmo pronti, useremo il replicatore della nave per usare i costumi dell' epoca e il denaro

Sull'Enterprise Picard e Beverly erano pronti con l'occorrente per tornare sulla terra.

Capitano prego entrate nella cabina, nel computer inserisco la data e la città, Firenze del 1478 e vi mando una settimana prima che Adams farà il salto, c'è una vecchia casa dove potrete sistemarvi ecco l'indirizzo. Spiegò Data

è sicuro che non peggioreremo la situazione ambientale? chiese il Capitano e Data aggiunse No capitano la cabina è sicura. Allora buon viaggio Signori!.

Riker ci vediamo tra una settima a Ponte Vecchio a Firenze vi aspetteremo per risalire con Adams, userete il vecchio metodo dei giri intorno al sole…. E buona fortuna.

Al Ponte Vecchio presero una carrozza parcheggiata sul ciglio della strada facendosi portare all'indirizzo consegnatoli da Data.

Guarda Beverly! Quella è la cupola del Brunelleschi fatta fare su richiesta di Cosimo De' Medici esclamò Picard scostando la tendina della carrozza, E' meravigliosa Capitano! rispose Beverly sorridente. La carrozza si fermò a destinazione, la casa scelta era vecchia e disabitata ma era perfetta per passarci una settimana in attesa dell'arrivo di Adams, scesero dalla carrozza con un paio di bagagli con dentro qualche indumento dell'epoca, phaser e tricorder.

Dall'altra parte della strada si avvicinò una donna dai capelli biondi lunghi intrecciati come una coroncina, portava dei pendenti blu,un vestito elegante blu non scollato, con le maniche a sbuffo. Si rivolse a loro con garbo e interesse Buongiorno Messer?... siete appena arrivati?... scusatemi non volevo essere invadente, ma non sembrate Fiorentini.

Sono il Cap… Mi chiamo Jean-Luc Picard, e lei è la mia consorte Beverly Picard inchinò col capo per fare la sua conoscenza, poi la donna si presentò Madonna Beverly… io sono Clarice De' Medici, sono appena uscita dalla messa e vi ho visti arrivare….. Picard rispose continuando a rispondere alle sue domande Veniamo da Parigi, siamo mercanti di arazzi, abbiamo attraccato al porto di Livorno. E ora siamo qui a Firenze. Il volto di Clarice era sereno e gli invitò a cena, da lontano Lorenzo De' Medici usci dalla banca chiamandola con un gesto di mano Ora devo andare mio marito mi aspetta, ma vi prego venite domani sera. Messere, Madonna inchino il capo raggiungendo il marito.

Non aveva detto che dovevamo tenere un profilo basso Capitano?gli chiese Beverly, Picard la guardo alzando gli occhi al celo.

Entrarono nella casa polverosa qualche ragnatela vistosa ma bastava solo pulirla un poco e sistemarla, tanto era solo per qualche tempo dopotutto. Sistemarono i cuscini del letto per togliere la polvere e darli una forma, passando poi al materasso e alle coperte, sala da pranzo e infine la cucina.

Riker arriverà esattamente tra una settimana, abbiamo tempo per aspettare Adams

Speriamo che vada tutto secondo i piani Capitano! aggiunse Beverly.

La sera seguente si prepararono per andare a Palazzo Medici, Picard indossava una calzamaglia nera, sotto una camicia bianca e una giacca nera con maniche a sbuffo con bottoni argentati, Beverly indossava un delizioso vestito color carta da zucchero leggermente scollato, il petto era di pizzo rosa e una collana nera lunga con qualche pietruzza.

Vennero accolti dai servitori e fatti accomodare in sala da pranzo, vennero raggiunti dalla madre Lucrezia Tornabuoni, la figlia Bianca accompagnata dal marito Guglielmo Pazzi. Arrivarono anche Clarice e Lorenzo, Giuliano arrivò poco dopo con un bicchiere di vino in mano, aveva lo sguardo assente immerso tra i suoi pensieri, era ancora straziato per la morte di Simonetta Vespucci. La tavola era colma di roba, vino, carne di maiale, frutta e verdura serviti in piatti d'argento.

Lorenzo prese un grappolo d'uva posandolo nel piatto poi si rivolse agli ospiti Clarice mi ha detto che venite da Parigi, come mai così lontani da casa? Picard sorseggiò il vino Siamo mercanti di arazzi, e volevamo provare a venderli anche qui a Firenze. Sono tutti diversi tra loro Messer Medici, l'Enter … l'Enterprise , la nostra giunca è ormeggiata a Livorno con il resto dell'equipaggio e ci raggiungeranno a breve. Dal fondo del tavolo la voce di Giuliano ripiombò Un insolito nome per una giunca di mercanti … Enterprise … Lorenzo si rivolse a Giugliano Giuliano per favore …. il fratello bevve un altro sorso di vino levando le tende.

Scusatelo riprese Lorenzo E' un brutto periodo per lui. Lo è per Firenze, la famiglia Pazzi ha tramato per la morte del duca di Milano Galeazzo Sforza nei prossimi giorni verrà in visita il figlio con la madre come reggente al trono per consolidare l'alleanza tra Firenze e Milano. Salviati ha fatto in modo di metterci Papa Sisto IV contro di noi.

Bianca si ritirò nelle sue stanze stanca dalla serata con Guglielmo che la seguì a ruota. Spero che veniate domenica per la messa di Pasqua, il Cardinale Raffaele la celebrerà.Si intromise con garbo Clarice, gli ospiti annuirono accettando l'invito di Clarice. La serata continuava discutendo di politica, arte e poesia, Lorenzo era un' ottimo oratore

Spero di vedere qualche vostro arazzo Messer Picard, sono curioso! continuò Lorenzo. Con molto piacere Medici gli ripose Picard. La serata si concluse magnificamente, trascorse ormai diversi giorni girando per Firenze e incontrando Lorenzo e Clarice ma Adams non si mostrò ancora, mancavano solo due giorni all'arrivo di Riker. Firenze non era grande quindi si incontravano quasi sempre le solite persone, ed era difficile stare lontani dai Medici e non interferire con la loro storia.

La mattina di Pascqua Picard e Beverly si prepararono per la Messa di Pasqua, sotto i vestiti portavano addosso i phaser e i tricorder pronti per l'arrivo di Adams.

Quella Domenica del 26 Aprile 1478 alla messa Pasquale nella Cattedrale di Santa Maria in Fiore, il Cardinale Raffaele e nipote del Papa Sisto IV celebrava la messa. Sulla porta della cattedrale Jacopo e Francesco Pazzi si scambiavano abbracci di auguri Pasquali con Lorenzo e Giuliano De' Medici. Francesco Pazzi si girò verso suo zio Jacopo Non indossano nessuna cotta lo zio con un sorriso maligno entrò in chiesa.

La cattedrale era gremita di gente, in prima fila c'erano Giuliano, Lorenzo e Francesco Nori. Nel banco vicino la madre Lucrezia Tornabuoni con accanto Clarice. Una fila dietro Lorenzo e Giuliano c'erano Francesco Pazzi, Bernardo Bandini Barocelli mentre Jacopo Pazzi si trovava distante come se non sapesse della congiura.

I cospiratori della congiura erano Francesco e Jacopo Pazzi, Francesco Salviati, Rinaldo Orsini, Federico da Montefeltro, Giovanni Battista da Montesecco, Bernardo Bandini Barocelli, Vespucci e altri sicari.

Picard e Beverly entrarono in cattedrale salutando i fratelli Medici, poi si sistemarono sul primo banco libero che trovarono dopo di te Beverly! commentò Picard scostandosi per farla passare. Poco dopo Picard addocchiò John che occupava un banco più distante almeno quattro banchi più indietro. Prima che il Cardinale alzi l'ostia io lo raggiungerò poi lo scorteremo sull'Enterprise mormorando al suo orecchio. Al suono della campanella il Cardinale Raffaele entrò con una schiera di preti per celebrare la messa.

Nel momento solenne della messa tutti sono inginocchiati il cardinale alzò l'ostia recitando le parole in latino risuonò la campanella, Picard si alzò per raggiungere John ma in quel momento Lucrezia Tornabuoni gridò. Il suo urlo tuonò per tutta la cattedrale silenziosa, Giuliano fu pugnalato più volte da Francesco Pazzi e da Bernardo Barocelli.

Lorenzo urlò No! Giuliano Giuliano lo guardò impallidito come se la sua anima lo stava abbandonando, Lorenzo gli lancio il coltello che Giuliano lo prese al volo infilzandolo nella gamba di Francesco Pazzi. Lorenzo fu colpito da un coltello al collo ma non muori. Jacopo pazzi scappò insieme alla folla.

Devo medicare Giuliano, non deve morire Jean-Luc! gridò Beverly, Non possiamo intervenire! Se Giuliano si salva la storia di Firenze cambierà Picard replicò tenendola per il braccio. John Adams scappò con la folla inseguito da Picard e Beverly.

Intanto Salviati si precipitò a Palazzo vecchio prendendo in ostaggio il Gonfaloniere Cesare Petrucci gridando alla finestra alla folla La tirannia dei Medici è finita per sempre ora saranno i Pazzi a governarla!.

Nella cattedrale Francesco Nori fu colpito mortalmente ma Lorenzo lo portò in salvo nella sagrestia insieme a Clarice e Lucrezia Tornabuoni. La madre di Lorenzo continuava a piangere volendo andare a tutti i costi dal corpo di Giuliano, Nori sul grembo di Lorenzo muorì per le ferite profonde; un bambino bussò alla porta della sagrestia dicendo che potevano uscire, Lorenzo uscì per far sapere ai Pazzi che lui era ancora vivo.

La madre si precipitò da Giuliano morente, sdraiato in una pozza di sangue fissava il l'interno della cupola con i raggi del sole che gli illuminavano la faccia come se Simonetta Vespucci lo chiamava a se in paradiso. A palazzo vecchio arrivarono i due Pazzi che izzavano la folla contro i Medici, ma arrivarono i Cavalcanti che riuscirono a prendere possesso di Palazzo Vecchio liberando il Gonfaloniere Petrucci dalle grinfie di Salvati. Lorenzo uscì dalla Cattedrale sporco di sangue con gli occhi pieni di rabbia grido contro i Pazzi I Pazzi hanno tramato per la morte mia e di mio fratello nel Duomo nel mezzo della messa. Questi non crimini contro la mia famiglia, ma sono crimini contro Dio!. I Cavalcanti suonarono le campane della torre così che chiusero le porte della città.

I Cavalcanti poi inseguirono Francesco pazzi che fu portato inseguito a Palazzo vecchio, Lorenzo diede l'ordine di impiccare Salviati e Francesco Pazzi, i mercenari furono uccisi attraverso la spada. Jacopo Pazzi scappò inseguito da Lorenzo che lo trovò e lo portò al suo destino. Picard e Beverly continuarono la cerca di John Adams nascosto tra la folla Eccolo Capitano! gridò Beverly, Picard tirò fuori dal mantello il suo phaser rincorrendolo fino ad un vicolo cieco. Arrenditi John!... non costringermi ad usarlo, ci conosciamo da tempo John on gli occhi pieni di lacrime fissava Picard I Romulani mi hanno portato via la mia famiglia e farò di tutto per riaverla anche se dovessi sfidare la fisica! Beverly si avvicinò lentamente con il phaser in mano, Picard la guardò per rassicurarla Non puoi lottare contro la fisica, se la inganni lei troverà il modo di rovinarti. Se continui a saltare nel tempo non fai altro che creare danni,il prossimo salto potrebbe distruggere un universo parallelo al nostro. Hai indebolito questa linea che li tiene separati lo capisci questo?. L'ufficiale Adams con la mano la tremolante sta per abbassare il phaser ma Beverly prematuramente si avvicinò per disarmarlo, spaventato sparò un colpo verso Picard mancandolo per poco. Nessuno sentì il colpo, Beverly lo spinse contro il muro del vicolo bloccandolo con le mani.

Forza andiamo al punto di incontro al Ponte Vecchio! commentò Picard.

John Adams cercò di liberarsi attivando la cintura temporale, ma non si attivo Capitano qui è Data! Siamo riusciti a bloccare il il collegamento dal computer alla cintura temporale Signore Picard con un sospiro di sollievo rispose a Data Qui Picard, molto bene Data ora ci mettiamo in marcia sulle coordinate stabilite.

Un fiume di gente si riunì in piazza per vedere l'ultima impiccagione quella di Jacopo Pazzi, tutti appesi per il collo a Palazzo Vecchio.

Da questo momento la storia di Firenze cambiò! Picard alzò la testa verso il palazzo guardando i Pazzi appesi. Beverly gli cinse il braccio attorno al collo consolandolo Forza Capitano il suo equipaggio l'aspetta. Tutti e tre si diressero al Ponte Vecchio mentre tutta la città trafugava tutti i beni dei Pazzi e portando in giro i loro corpi.

Picard schiaccio la trasmittente sul petto Picard a Enterprise. Siamo pronti a salire da suo petto rispose Riker Qui Enterprise! Permesso accordato Capitano!.

A bordo dell'Enterprise il Tenente Worf rinchiuse John Adams in cella.

Numero Uno siamo tutti pronti per tornare a casa! Timoniere si prepari a girare intorno al sole! il Tenente rispose al suo ordine per iniziare la manovra. Capitano è felice di aver conosciuto Lorenzo De' Medici? gli domandò Riker poi Picard continuò Certamente Numero Uno, lui ha cambiato la storia di Firenze portando l'arte, la poesia e la cultura così che tutti si ricordino della bellezza che ha portato. I problemi non sono finiti presto si scontrerà con il priore Girolamo Savonarola.

Pronti per andare attivare tutta la potenza timoniere, si torna a casa.